Fornelli in ghisa, attenzione a come li pulisci: se non usi i prodotti giusti li rovinerai per sempre

Da sapere: fornelli in ghisa, attenzione a come li pulisci, se non usi i prodotti giusti li rovinerai per sempre. Tutte le informazioni utili.

Quando si tratta di pulire la cucina è molto importante la scelta dei prodotti giusti per pulire le varie superfici, che sono diverse tra loro e richiedono particolare attenzione. Tra le pulizie più delicate e difficili c’è quella dei fornelli. Si tratta del punto della cucina che tende a sporcarsi di più, con incrostazioni ostinate ma sul quale non possono essere usati prodotti o strumenti troppo aggressivi. Soprattutto se il piano di cottura ha fornelli in ghisa.

fornelli ghisa prodotti
Fornelli in ghisa, attenzione a come li pulisci: se non usi i prodotti giusti li rovinerai per sempre (Intaste.it)

Qui, vi diamo alcuni consigli pratici su come pulire alla perfezione e senza rovinarlo il piano di cottura a gas della vostra cucina con i fornelli in ghisa. Questo materiale è abbastanza resistente ma richiede prodotti adeguati e una cura particolare nel pulirlo-

Di seguito tutti i dettagli per la pulizia dei fornelli in ghisa. Ecco come fare e tutto quello che bisogna sapere.

Fornelli in ghisa, per la pulizia occorrono i prodotti adatti

I fornelli a gas in ghisa hanno di solito le singole griglie, gli spartifiamma e i bruciatori in questo materiale, mentre la base del piano cottura e la griglia centrale, quando c’è, sono in acciaio. Pertanto, la pulizia di questi due diversi materiali, acciaio e ghisa, richiede attenzioni differenti, anche se i prodotti di base per pulirli possono essere gli stessi. Cominciando dai prodotti naturali, che non contengono sostanze chimiche aggressive, il rimedio universale per sgrassare e rimuovere sporco e incrostazioni è l’aceto. Potete usare l’aceto per pulire l’acciaio e la ghisa, combinandolo con acqua bollente, limone e detersivo per i piatti.

fornelli ghisa prodotti
Come pulire il piano cottura in acciaio e i fornelli in ghisa (Intaste.it)

Per pulire la base del piano cottura in acciaio, evitate prodotti e strumenti abrasivi che possono rovinarne la superficie. Dunque, niente pagliette di acciaio né detergenti che contengano cloro o candeggina. L’aceto e il limone, anche se sono acidi, vanno bene perché naturali e non aggressivi come gli acidi sintetici. In una bacinella con acqua calda, versate dell’aceto bianco e qualche goccia di limone, imbevete nel liquido un panno spugna non abrasivo e strofinate con cura il piano cottura. Poi ripassate con un altro panno spugna pulito, imbevuto di sola acqua per risciacquare. Infine asciugate con un panno asciutto.

Potete procedere allo stesso modo con la griglia in acciaio del piano cottura. Se dovesse essere molto sporca, mettetela in ammollo in una bacinella grande piena di acqua molto calda dove  avrete versato una tazza di aceto bianco e due cucchiai di detersivo liquido per piatti a mano. Lasciate a bagno per circa un’ora, poi sfregate con un panno spugna per togliere le incrostazioni e risciacquate. Infine, asciugate con un panno asciutto.

Per le singole griglie, gli spartifiamma e i bruciatori in ghisa, invece, dovete impiegare qualche attenzione in più. Prendete una bacinella, riempitela di acqua bollente, sale grosso e una tazza di aceto, poi immergete le griglie, gli spartifiamma e i bruciatori. Lasciate a bagno per circa un’ora. Quindi, prendete una paglietta di acciaio – la ghisa non si graffia – versateci un po’ di detersivo liquido per i piatti a mano, qualche goccia di aceto e sfregate bene bruciatori, spartifiamma e griglie per rimuovere le incrostazioni. Pulite, invece, con un panno spugna non abrasivo, imbevuto con aceto e detersivo per i piatti, i fornelli senza bruciatori e spartifiamma, avendo cura di passare bene sugli ugelli.

Infine, risciacquate griglie, spartifiamma e bruciatori in ghisa sotto l’acqua tiepida e asciugate con un panno asciutto. I fornelli sciacquateli con un panno spugna pulito imbevuto di acqua e poi asciugateli con un altro panno pulito.